Chi Sono


Chi Sono

 

Mi chiamo Beatrice e sono nata alla fine degli anni sessanta nel cuore pulsante della Milano da bere, in mezzo a palazzi alti, cieli grigi e nebbia, in una famiglia multietnica molto originale per quel tempo: mio padre è un consulente manageriale fiorentino e mia madre è un’artista pakistana.

Sono nata a Milano ma fin da piccola, nella mia cameretta all’ottavo piano di un palazzo grigio, leggevo e rileggevo Marcovaldo di Italo Calvino, uno dei miei libri preferiti in assoluto, e insieme a lui sognavo di prati verdi, di alberi, di boschi, di campi coltivati, e di api.

Ho sempre seguito il mio cuore e le mie passioni, durante gli anni di liceo linguistico sono rimasta folgorata dalla filosofia, dalla ricerca del senso della vita, delle cose, del mondo, dopo la maturità mi sono quindi iscritta alla facoltà di Filosofia all’Università Statale di Milano.

Mentre ero immersa nei miei studi filosofici, l’Università Statale, dopo tantissimi anni di assenza, ha  riattivato la cattedra di Egittologia, e io non potevo essere più felice. L’Egitto è stato fin da quando ero piccola una grande passione tramandata da mia nonna pakistana e da mia madre. Passione sicuramente nata in occasione della mia visita all’esposizione del tesoro di Tutankhamon a Londra. Ho quindi iniziato a seguire i corsi di egittologia, parallelamente al mio percorso filosofico, appassionandomi sempre di più alla scrittura geroglifica e alla sua ricchezza di significati.

Mi sono così laureata in filosofia teoretica con Carlo Sini, con una tesi sulle Implicazioni filosofiche della scrittura geroglifica. L’argomento mi ha talmente entusiasmato che ho deciso di continuare le mie ricerche a Parigi sotto la guida di Pascal Vernus, uno dei più grandi esperti di lingua e scrittura egiziana antica al mondo, all’Ecole Pratique des Hautes Etudes. Ho conseguito la specializzazione, il Diplome des Etudes Approfondis sull’orientamento della scrittura geroglifica e le sue implicazioni filosofiche, e ho anche iniziato un dottorato che purtroppo non ho mai terminato.

A Parigi contemporaneamente agli studi in Egittologia ho frequentato i corsi di filosofia che Jacques Derrida teneva all’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales, il filosofo sulla cui opera avevo scritto la mia tesi di laurea. Ho avuto anche l’incredibile possibilità d’incontrarlo privatamente nel suo studio, regalargli la mia tesi di laurea, discutere con lui sull’argomento, e parlare più in generale dei miei progetti di vita e di studio. Un incontro con un uomo straordinario, di una profondità e di un’umiltà uniche che non dimenticherò mai.

Negli anni dell’Università avevo partecipato a diverse campagne di scavi archeologico con il Dipartimento di Archeologia dell’Università Statale di Milano  a Sovana in Maremma. Dopo i miei studi in Egittologia a Parigi ho realizzato uno dei sogni più grandi della mia vita: scavare in Egitto. Ho partecipato infatti a diverse campagne di scavo dirette dall’egittologo italiano Francesco Tiradritti a Luxor nella tomba di Harwa.

Ho pubblicato articoli su riviste scientifiche e cataloghi di mostre e ho partecipato come relatrice ad un convegno internazionale a Torino su Filosofi e Scrittura, intervento che è stato pubblicato in un libro.

Nel mezzo di tutto ciò ho avuto modo anche di lavorare come consulente aziendale junior in Italia, Spagna e Inghilterra.

Dopo tanto girare ho finalmente trovato il mio posto del cuore, il Podere Argo, dove fermarmi e mettere radici.

Il Podere Argo è la realizzazione del mio sogno di bambina di vivere in mezzo alla natura, coltivare la terra, allevare animali e accogliere le persone, un’arte che ho imparato da mia madre pakistana.
Un sogno costruito a piccoli passi, con tanto amore e tanta passione, un sogno in continuo divenire, che cresce, si trasforma, si arricchisce, e prende nuove forme.

Tutto ciò non ci sarebbe stato senza le mie due figlie Viola e Ambra, che più di ogni altro mi hanno mostrato la rotta, quale strada seguire. I miei genitori che mi hanno sostenuto e aiutato, Ivaldo, il mio compagno di vita, di progetti e di sogni, e i suoi due figli Ilaria e Alessio, insieme siamo diventati una bellissima famiglia “allargata”. La Maremma e i suoi abitanti, in particolare modo i miei adorati vicini di podere, contadini veri loro, che mi hanno accolto come una di famiglia e mi hanno insegnato tutto ciò che conosco della terra, dell’agricoltura e della vita in campagna. Un posto importante lo hanno anche i nostri tanti animali: cani, gatti, galline, papere, e naturalmente le api.

E tu, se vuoi, sarò molto felice di accoglierti, conoscerti, farti sentire a casa in questo che è diventato il mio piccolo angolo di paradiso.
Ti aspetto, qui, al Podere Argo

 

Contattami qui: beatrice@podereargo.com

DICONO DI ME

ADOTTA UNA LAVANDA BIO

 

INTERVISTE e GUEST POST

  • Beatrice Galgano e il suo sankalpa – La Casa nella Prateria LEGGI
  • Podere Argo: un Blog di successo – Oidart LEGGI
  • Cambiare vita e aprire un Agriturismo – Baby Green LEGGI
  • Mamme Imprenditrici: Beatrice di Podere Argo – Elegraf LEGGI

 

RECENSIONI PRODOTTI

  • I Fagioli di Podere Argo – Kosenrufu mama LEGGI

TELEVISIONE

  • Sconosciuti. La nostra personale ricerca della felicità, Rai 3 del 06/02/2015